Test sui Server Nas: guida all’acquisto

I Server Nas sono praticamente indispensabili nel settore IT e come memoria dati. Il nostro team ha esaminato vari confronti e test su Internet per ottenere un elenco dei migliori e ha potuto includere valutazioni per il numero di processori, la dimensione della RAM, le capacità e molto altro ancora.

Nome
WD My Cloud EX2 Ultra Network Attached...
Netgear RN212D23-100NES ReadyNAS Serie...
Synology DS218J Diskstation HardDisk
WD My Cloud Home, Personal Cloud, 1 Bay,...
WD My Cloud EX2 Ultra Network Attached...
Netgear RN212D23-100NES ReadyNAS Serie...
Synology DS218J Diskstation HardDisk
WD My Cloud Home, Personal Cloud, 1 Bay,...
Mac OS X El Capitan, Yosemite, Mavericks o sistemi operativi Mountain Lion
Windows 10, Windows 8, Windows 7 o sistemi operativi Windows Vista
Dispositivi DLNA
Numero di porte Ethernet
1x
2x
1x
1x
Processore
Marvel ARMADA 385 dual core da 1,3 GHz
Quad Core a 1.4 GHz
2x 1.3 GHz
N/A
Numero porte USB
2X
3x
2x
1x
Recensione
Spedizione
-
Prezzo
289,35 €
770,95 €
127,63 €
153,66 €
Nome
WD My Cloud EX2 Ultra Network Attached...
WD My Cloud EX2 Ultra Network Attached...
Mac OS X El Capitan, Yosemite, Mavericks o sistemi operativi Mountain Lion
Windows 10, Windows 8, Windows 7 o sistemi operativi Windows Vista
Dispositivi DLNA
Numero di porte Ethernet
1x
Processore
Marvel ARMADA 385 dual core da 1,3 GHz
Numero porte USB
2X
Recensione
Spedizione
Prezzo
289,35 €
Nome
Netgear RN212D23-100NES ReadyNAS Serie...
Netgear RN212D23-100NES ReadyNAS Serie...
Mac OS X El Capitan, Yosemite, Mavericks o sistemi operativi Mountain Lion
Windows 10, Windows 8, Windows 7 o sistemi operativi Windows Vista
Dispositivi DLNA
Numero di porte Ethernet
2x
Processore
Quad Core a 1.4 GHz
Numero porte USB
3x
Recensione
Spedizione
-
Prezzo
770,95 €
Nome
Synology DS218J Diskstation HardDisk
Synology DS218J Diskstation HardDisk
Mac OS X El Capitan, Yosemite, Mavericks o sistemi operativi Mountain Lion
Windows 10, Windows 8, Windows 7 o sistemi operativi Windows Vista
Dispositivi DLNA
Numero di porte Ethernet
1x
Processore
2x 1.3 GHz
Numero porte USB
2x
Recensione
Spedizione
Prezzo
127,63 €
Nome
WD My Cloud Home, Personal Cloud, 1 Bay,...
WD My Cloud Home, Personal Cloud, 1 Bay,...
Mac OS X El Capitan, Yosemite, Mavericks o sistemi operativi Mountain Lion
Windows 10, Windows 8, Windows 7 o sistemi operativi Windows Vista
Dispositivi DLNA
Numero di porte Ethernet
1x
Processore
N/A
Numero porte USB
1x
Recensione
Spedizione
Prezzo
153,66 €

WDBVXC0020HWT-EESNCos’è un Server Nas?

Un Server Nas è un computer collegato ad una rete che funge da dispositivo di memorizzazione dei dati. NAS sta per Network Attached Storage. Il suo compito principale è quello di gestire i dati ad esso affidati.

Di solito è dotato di diversi dischi rigidi, unità SSD o altri componenti per la memorizzazione dei dati. Più dischi rigidi o SSD vengono utilizzati per aumentare la capacità massima di memorizzazione o per ridurre al minimo il rischio di perdita di dati a causa di guasti hardware.

 

 

I cinque migliori server NAS:

Primo posto – Server Nas Western Digital EX2 Ultra

Offerta
WD My Cloud EX2 Ultra Network Attached...
1.374 Recensioni
WD My Cloud EX2 Ultra Network Attached...
  • Processore dual core da 1,3 GHz a prestazioni elevate per uno streaming fluido e...
  • Storage di rete centralizzato e accesso disponibile ovunque. Sincronizzazione...
  • Condivisione semplificata di file e cartelle. Sincronizzazione automatica dei...
  • Backup personalizzato. Protezione dati raddoppiata con RAID 1. Semplicità di...
  • Contenuto della confezione: NAS. Cavo Ethernet. Alimentatore. Guida rapida di...

Secondo posto – Server Nas Netgear RN212D23-100NES 212

Netgear RN212D23-100NES ReadyNAS Serie...
20 Recensioni
Netgear RN212D23-100NES ReadyNAS Serie...
  • ReadyNAS Serie 210, modello RN212 desktop a due slot da 6 TB con a bordo due...
  • dotato di CPU Quad Core a 1.4 GHz, 2 porte Gigabit Ethernet con supporto di...
  • Cinque livelli di protezione dei file: protezione Automatic RAID, tecnologia...
  • Applicazioni incluse: ReadyNAS Replicate per il ripristino d'emergenza e...
  • Supporto di streaming di video Full HD 1080p e transcodifica live a bord -...

Terzo posto – Server Nas Synology DS218J

Offerta
Synology DS218J Diskstation HardDisk
790 Recensioni
Synology DS218J Diskstation HardDisk
  • Un NAS entry-level a 2 bay versatile per l'archiviazione cloud domestica e...
  • Oltre 113 MB/s in lettura, 112 MB/s in scrittura
  • CPU dual-core con motore di crittografia hardware

Quarto posto – Server Nas Synology DS115j

Best Price Square Nas Server, 1 bay,...
  • NAS SERVER, 1 BAY, DS115J/1TB WD RED BPSCA DS115J/1TB - CS28578 Di SYNOLOGY
  • Manufacturer Name : SYNOLOGY
  • Manufacture Part No : BPSCP DS115J/1TB - CS28578 IT

Quinto posto – Server Nas Western Digital WDBVXC0020HWT-EESN

Offerta
WD My Cloud Home, Personal Cloud, 1 Bay,...
1.327 Recensioni
WD My Cloud Home, Personal Cloud, 1 Bay,...
  • ATTENZIONE! È possibile accedere al dispositivo My Cloud Home tramite Internet,...
  • Configurazione semplice e veloce dal tuo smartphone
  • Accesso da qualsiasi posizione grazie all'app mobile o desktop My Cloud Home o...
  • Backup automatico di foto e video sul tuo telefono
  • Porta USB per importare foto, video e documenti da unità flash USB e hard disk...

Come funziona un Server Nas?

Nella maggior parte dei casi, un server NAS è un computer completo il cui hardware è progettato per memorizzare grandi quantità di dati e fornire una veloce connettività di rete. Quest’ultimo è particolarmente importante nelle applicazioni più impegnative, in modo che tutti gli utenti autorizzati possano accedere ai dati memorizzati sul server NAS in qualsiasi momento senza grandi ritardi.

Leggi le mie recensione!▶︎

Soprattutto per l’uso professionale di questi apparecchi, ad es. nelle reti aziendali o per la memorizzazione di dati video di più telecamere, è indispensabile una velocità di trasferimento dati sufficientemente elevata. Qui il server NAS deve spesso soddisfare requisiti che possono essere paragonati a quelli dei vecchi dischi rigidi installati internamente nel computer della stazione di lavoro – come l’esperto può sapere per esperienza pratica, questo non è sempre un compito facile da realizzare. Pertanto, in questi casi è essenziale una connessione di rete con la massima larghezza di banda possibile.

I migliori server Nas sul mercato!

 

Ma anche per le applicazioni più semplici nel settore multimediale privato, dovrebbe essere sempre disponibile una velocità di trasferimento dati sufficientemente elevata, ad esempio per lo streaming di file video, e una capacità sufficiente per la memorizzazione di tutti i contenuti multimediali.

Per i server NAS con connessione WLAN, lo standard Wifi supportato è quindi anche un criterio importante: lo standard più recente con la velocità di trasferimento più veloce possibile è attualmente supportato, o si dovrebbe forse aspettare fino alla prossima generazione del rispettivo dispositivo? Inoltre, il server dovrebbe essere dotato di una cifratura WLAN allo stato dell’arte, ossia attualmente almeno di una cifratura WPA2, se si prevede di integrarlo nella rete tramite l’interfaccia Wifi.

 

Cosa può fare un Server Nas?Western Digital EX2 Ultra

Server Nas: archiviazione dati affidabile con molte caratteristiche aggiuntive. Quando si legge di questo dispositivo in una revisione del Server Nas, si vorrà sapere esattamente cosa può fare.

La maggior parte degli utenti saprà che il Server Nas è utilizzato principalmente per l’archiviazione dei dati. Ma ha molte altre caratteristiche per voi. Il seguente articolo introdurrà alcune delle caratteristiche più importanti.

Memorizzazione dei dati
Cloud storage
Web e server di posta
NAS come media server
Streaming
Sistema di monitoraggio
Utilizzo del NAS come server USB

Funzione principale: Memorizzazione dei dati

I Server Nas sono progettati per contenere grandi quantità di dati. In origine erano utilizzati esclusivamente per questo scopo, ma ancora oggi la memorizzazione dei dati è la funzione principale dei dispositivi. Tutto l’hardware è progettato per questo scopo. Anche se un Server Nas ha anche un processore e una memoria, l’apparecchiatura in queste aree di solito non è troppo lussuosa. Tuttavia, per i dischi rigidi è vero il contrario. La maggior parte dei dispositivi utilizza più dischi rigidi, ognuno dei quali ha una notevole quantità di spazio di archiviazione. Ne risulta una notevole capacità totale.

I Server Nas non solo possono memorizzare molti dati. Forniscono anche un’elevata sicurezza. La maggior parte dei dispositivi supporta l’archiviazione ridondante dei dati. Ciò significa che tutte le informazioni sono memorizzate su dischi rigidi diversi. Pertanto, anche se un dispositivo di memorizzazione si guasta, sarà comunque disponibile in un altro luogo.

Quali sono i requisiti per il Server Nas?

Un Server Nas offre molti vantaggi sia per gli utenti professionali che per quelli domestici. In particolare l’elevata capacità di memorizzazione dei dati e la facilità di accesso in rete sono tra i principali vantaggi che il test NAS può determinare.

Tuttavia, affinché tutte le funzioni funzionino correttamente, è necessario che siano soddisfatti alcuni requisiti. Questo articolo introduce i requisiti per far funzionare il Server Nas senza problemi.
Rete affidabile per il trasferimento dei dati
Una delle caratteristiche fondamentali del Server Nas è che trasmette i dati su una rete. Pertanto, è molto importante che sia disponibile una rete affidabile per questo compito. Se non si dispone di un router adatto, il NAS sarà completamente inutile in quanto non è possibile alcun accesso.

Synology DS115j

Si dovrebbe anche considerare il modo in cui si vuole accedere all’apparecchio. Ci sono fondamentalmente due modi diversi per farlo. È possibile collegare il server al router con un cavo Ethernet o integrarlo in una LAN wireless. Quali sono i requisiti per il Server Nas nel test
La prima alternativa è caratterizzata da una connessione particolarmente stabile e da un’elevata velocità di trasmissione.

La seconda opzione è particolarmente facile da installare e si gode anche di una grande libertà nella scelta della posizione. A seconda del metodo scelto, cambiano anche i requisiti dell’apparecchio e della rete esistente.

Se si desidera l’accesso via cavo, è necessario assicurarsi che il cavo di rete raggiunga la posizione prevista. Quando ci si connette via WLAN, non solo è necessario che il Server Nas utilizzato supporti questa tecnologia. Richiede anche un router per abilitare la connessione wireless.

Per molte funzioni è necessaria una connessione Internet affidabile

La funzione principale del Server Nas è quella di memorizzare i dati e renderli accessibili attraverso una rete locale. In realtà non è richiesto alcun accesso a Internet. Tuttavia, gli apparecchi moderni offrono molte caratteristiche aggiuntive. Ad esempio, è possibile utilizzarli per impostare il cloud storage che consente l’accesso da qualsiasi posizione.

Il NAS può essere utilizzato anche come server web o server di posta. Se si desidera utilizzare queste comode funzioni aggiuntive, è importante garantire una connessione a Internet affidabile. A tal fine è meglio impostare una tariffa forfettaria. Questo non solo consente un accesso ininterrotto a Internet. Ciò significa anche che non ci sono costi aggiuntivi per la trasmissione dei dati.

Posizione fissa per il funzionamento permanente del Server Nas

Il server NAS è un dispositivo progettato per funzionare in modo continuo. Questo è l’unico modo in cui può svolgere i suoi compiti in ogni momento. Per questo motivo è importante scegliere un luogo adatto.
In questa posizione, si dovrebbe essere in grado di parcheggiare il server in modo permanente senza doverlo spostare. Questo non solo interromperebbe l’operazione. Inoltre, i componenti di questo prodotto non sono progettati per movimenti frequenti.

Pertanto, cambiare la posizione più e più volte potrebbe causare difetti.

Il funzionamento continuo richiede anche un’alimentazione elettrica ininterrotta.

Pertanto, si dovrebbe considerare anche questo aspetto quando si seleziona una località.
Dispositivi compatibili con la rete necessari per il funzionamento
Un server NAS non ha monitor, tastiera o mouse. Tuttavia, è necessario accedere al dispositivo. Ad esempio, è necessario impostare gli account utente, specificare l’organizzazione della memorizzazione dei dati o installare le applicazioni.

Poiché l’accesso diretto non è possibile a causa della mancanza delle suddette periferiche, per questo sono necessari altri dispositivi. Di solito si usa un PC desktop o un portatile per questo scopo.

A volte è possibile utilizzare a questo scopo anche uno smartphone o un tablet. Quando si configura il server NAS, è importante assicurarsi che i dispositivi appropriati siano disponibili per il funzionamento.

Dischi rigidi, CPU e memoria: l’hardware necessario

Per il buon funzionamento di un server NAS non solo è necessario che le condizioni dell’ambiente siano corrette. Inoltre, anche il dispositivo stesso deve soddisfare determinati requisiti. È possibile scoprire quali dispositivi sono particolarmente adatti a questo scopo in un test NAS.

Lo spazio di stoccaggio è estremamente importante. Quasi tutti i server NAS utilizzano più dischi rigidi per memorizzare i dati. Ciò richiede una capacità sufficiente per i vostri volumi di dati.

Per trasferire i dati attraverso la rete e per alcuni altri compiti, il dispositivo ha bisogno anche di un processore e di memoria. Pertanto, anche da questo punto di vista è necessario prestare attenzione all’attrezzatura corretta.

 

Per chi è adatto un Server Nas?

I server NAS sono diventati sempre più di moda negli ultimi anni. Non solo molte aziende si affidano a questa tecnologia, ma anche sempre più utenti privati. Ciò ha portato ad un notevole cambiamento per quanto riguarda i settori di applicazione. Pertanto fa parte di un test del server NAS per verificare esattamente per quali utenti sono adatte queste offerte.

NAS: il sistema di archiviazione per le piccole e medie imprese

I primi server NAS sono stati progettati per soddisfare le esigenze degli utenti professionali. Essi erano principalmente orientati alle esigenze delle piccole e medie imprese. I server NAS sono stati creati in un momento in cui la digitalizzazione stava diventando sempre più importante in un numero sempre maggiore di aziende, quindi chi è un server NAS da un test adatto?
In precedenza, era comune solo nelle grandi aziende o nelle aziende tecnologiche speciali avere più postazioni di lavoro al computer.

C’erano grandi server che fornivano l’infrastruttura necessaria ma nelle piccole e medie imprese, di solito c’erano solo pochi computer disponibili.

Tuttavia, quando le sempre più ampie possibilità tecniche hanno portato a un forte aumento del numero di computer, è stata necessaria una nuova infrastruttura.

Comunque sia l’installazione di un grande sistema di server è stata associata a costi sproporzionatamente elevati per le aziende più piccole.

Man mano che si lavorava sempre di più sul computer, aumentava la necessità di spazio di archiviazione. Anche i requisiti per una facile collaborazione sono aumentati in questa fase.

I primi Server Nas sono stati creati per affrontare questi problemi.Server Nas Zyxel NAS326

Si trattava di dispositivi relativamente piccoli che non richiedevano grandi spese o locali separati. Tuttavia, erano ancora caratterizzati da una capacità molto elevata. Poiché era necessario un solo server NAS per tutti i dipendenti, il costo era limitato.
Da un lato, i dispositivi hanno ampliato notevolmente le capacità di memorizzazione. Ciò ha portato grandi vantaggi per molte aziende, dove sono state generate quantità sempre maggiori di dati elettronici. L’integrazione nella rete ha inoltre reso l’accesso molto semplice.

Ogni dipendente può salvare o recuperare i file necessari dalla propria postazione di lavoro. Inoltre, il server NAS ha migliorato notevolmente la collaborazione tra i singoli dipendenti. È stato facile lavorare insieme su un documento.

Questi vantaggi hanno portato i server NAS ad essere rapidamente accettati dalle piccole e medie imprese. Sono ancora oggi utilizzati per memorizzare i file su cui lavorano i dipendenti. Inoltre, molte aziende utilizzano questi dispositivi per effettuare backup e garantire così un’elevata sicurezza dei dati.

Aumento dell’utilizzo nelle abitazioni private

Per molti anni, quasi esclusivamente gli utenti professionali hanno utilizzato i server NAS. Tuttavia, la situazione è molto cambiata di recente. Sempre più privati decidono di installare un server NAS a casa propria. Il motivo è che anche l’attrezzatura tecnica in questo settore è cambiata notevolmente.

QNAP TS 453BE 2GSolo pochi anni fa, era raro trovare più di un dispositivo compatibile con la rete in una casa privata. Di solito si trattava di un PC desktop che tutta la famiglia condivideva.
La memorizzazione in rete era completamente inutile in queste condizioni. Per prima cosa, di solito c’erano così pochi dati disponibili che potevano essere facilmente memorizzati sul disco rigido. Tuttavia, qualora si verificassero colli di bottiglia di capacità, aveva senso o espandere la memoria interna o collegare un ulteriore dispositivo di memorizzazione dei dati direttamente al computer.

Nel frattempo, però, sono arrivati sul mercato sempre più dispositivi che sono anche compatibili con la rete.

Oggi, la maggior parte delle famiglie ha diversi smartphone, tablet e notebook. Inoltre, ci sono smart TV e altri elettrodomestici compatibili con la rete.

Con la creazione di un numero sempre maggiore di dati in questo modo, la necessità di un’ulteriore archiviazione sta diventando sempre più comune. E molti utenti vogliono condividere gli stessi file con dispositivi diversi. Con un server NAS, è facile.

Molti produttori hanno risposto a questo sviluppo e ora offrono dispositivi ancora più orientati alle esigenze degli utenti domestici. Ad esempio, offrono funzioni aggiuntive per l’utilizzo come media server o per lo streaming di contenuti. Questo li rende ancora più adatti agli utenti privati.

 

Dati tecnici

Quando si acquista un server NAS, è importante prestare attenzione alle specifiche. Se si guarda ad un test di un server NAS, si vedrà rapidamente quali valori sono di particolare importanza. I vincitori del test brillano soprattutto nell’area della capacità di stoccaggio con una buona performance. Tuttavia, ci sono altri aspetti da considerare.

Capacità di memorizzazione: il criterio più importante per un server NAS
Il compito principale di un server NAS è quello di memorizzare dati in grandi quantità. Pertanto, la capacità del dispositivo è un punto critico importante quando si confrontano i prodotti. In primo luogo, è importante prestare attenzione alla massima capacità totale.

Ogni contenitore NAS ha un numero fisso di slot per i dischi rigidi.

Tuttavia, la quantità di dati che è possibile memorizzare sul dispositivo dipende da quanti di essi sono popolati e dalla capacità di ogni disco rigido.
Si consiglia di scegliere un prodotto che non solo soddisfi le esigenze attuali, ma che offra anche alcune opzioni di espansione. In questo modo siete anche preparati per il futuro.

Quali sistemi RAID supporta il server NAS?

Se il server NAS ha più dischi rigidi, è possibile organizzare i dati in modi diversi. L’alternativa più semplice è semplicemente memorizzare i file uno dopo l’altro. Non appena un disco è pieno, verrà utilizzato quello successivo.
Tuttavia, è anche possibile memorizzare i dati in modo ridondante, cioè più volte. Questo aumenta notevolmente la sicurezza. Se un disco rigido dovesse subire dei danni, è possibile recuperare facilmente le informazioni da un altro luogo di memorizzazione. Se da un lato questo riduce il rischio di perdita di dati, dall’altro riduce anche la capacità del dispositivo di memorizzazione.QNAP TS 453BE 2G

Per organizzare l’archiviazione ridondante dei dati, di solito si usa un sistema RAID. Tuttavia, ci sono diversi metodi. Alcuni metodi attribuiscono un valore molto elevato alla sicurezza dei dati – anche se la capacità è notevolmente ridotta di conseguenza.

Altri sistemi sfruttano meglio la capacità, ma questo aumenta un po’ il rischio di perdita di dati. Nel test del server NAS, i dispositivi che supportano diversi sistemi si comportano particolarmente bene. Ciò consente all’utente di decidere le priorità che desidera impostare.

Consumo energetico: Criteri critici nel test del server NAS

I server NAS sono di solito in funzione 24 ore su 24. Sebbene questi dispositivi siano in realtà caratterizzati da bassi consumi, ciò può comportare elevati costi di esercizio a medio termine.

Anche piccole differenze nei consumi possono fare una grande differenza. Pertanto, il consumo gioca un ruolo importante nel test del NAS. Un dispositivo economico può ripagare finanziariamente, anche se è un po’ più costoso.

Processore e memoria: non sempre di grande importanza

Salvare un file su disco e inviarlo in rete è un processo che richiede relativamente poca potenza di calcolo. Non c’è bisogno di un processore veloce o di una grande quantità di memoria per farlo.
Tuttavia, poiché il compito principale di un server NAS è proprio questo, l’apparecchiatura in questo settore gioca solo un ruolo minore. Pertanto, alcuni prodotti utilizzano processori relativamente lenti.

Non è inoltre necessaria una RAM veloce e overclockabile. Questo apparecchio non solo causerebbe costi aggiuntivi, ma aumenterebbe anche il consumo di energia. Tuttavia, questo dovrebbe essere evitato a tutti i costi quando si utilizza il prodotto come server NAS.

Western Digital EX2 UltraTuttavia, ci sono delle eccezioni.

Se più utenti accedono al server NAS contemporaneamente, le esigenze di calcolo aumentano enormemente. Soprattutto nelle aziende con più dipendenti, questo è spesso il caso.

Per evitare tempi di attesa, si raccomanda di utilizzare un’attrezzatura leggermente migliore. Questo vale anche per i server NAS con speciali funzioni di intrattenimento. Lo streaming di contenuti multimediali, ad esempio, richiede una maggiore potenza di calcolo.

L’alta connettività è importante

La connettività dei dispositivi è un altro aspetto importante e quindi svolge un ruolo importante nel test del server NAS.
Con questi prodotti è sempre presente una connessione di rete, poiché questa è una delle caratteristiche di base di un server NAS.

Tuttavia, ci sono differenze anche qui. Alcune offerte supportano solo una connessione cablata, mentre altri prodotti possono essere collegati solo tramite WLAN. Pertanto, si dovrebbe considerare attentamente come si vuole collegare il server NAS al router prima di acquistare.

Inoltre, molti prodotti hanno altre opzioni di connessione. Ad esempio, se si desidera eseguire regolarmente il backup dei dati, è molto conveniente se il server NAS ha una porta USB.

Questo permette anche di collegare una stampante, uno scanner o un altro dispositivo. E-Sata, Firewire e HDMI sono altre pratiche opzioni di connessione che alcuni server NAS offrono.

Vantaggi e applicazioni dei server NAS

Un grande vantaggio di un server NAS è la memorizzazione centrale dei dati gestiti e l’ampia disponibilità in rete. Soprattutto nelle reti più grandi, ad esempio nelle aziende, i file elaborati dei dipendenti vengono altrimenti distribuiti su molti dischi rigidi individuali, chiavette USB e altri dispositivi di memorizzazione. In questi casi, spesso è necessario consultare una soluzione software adeguata, che si occupi degli aggiornamenti regolari di tutti i dischi rigidi e delle altre unità. Il server NAS, invece, rende la cosa relativamente semplice per l’amministratore: anche nel caso peggiore (a seconda del livello di ridondanza) è sufficiente creare un backup di tutti i dischi installati nel server NAS.

Inoltre, la ridondanza del server NAS può essere utilizzata per aumentare la sicurezza dei dati: In questo modo i dati memorizzati vengono scritti automaticamente su più dischi contemporaneamente. Questo naturalmente aumenta il numero di dischi rigidi necessari, ma riduce anche significativamente la probabilità di perdita di dati a causa di un guasto dell’hardware.

Soprattutto quando si memorizzano grandi quantità di dati, il guasto dei singoli dischi rigidi è di solito inevitabile. Con un server NAS, che memorizza i dati in modo ridondante in un RAID, questo problema è in gran parte sotto controllo.

Negli ultimi anni i server NAS sono stati ampiamente utilizzati anche nella tecnologia di sicurezza.

Qui vengono utilizzate per memorizzare le immagini delle telecamere di sorveglianza. Soprattutto nei sistemi più grandi costituiti da più telecamere, il server NAS offre numerosi vantaggi rispetto alla memorizzazione digitale locale (ad es. su scheda SD) o anche alla memorizzazione analogica locale (ad es. su nastro magnetico). Anche in questo caso, la memorizzazione centrale dei dati sul server NAS fa la sua parte: le registrazioni delle varie telecamere possono essere facilmente e comodamente visualizzate da un unico PC collegato in rete, invece di dover passare attraverso le schede di memoria o addirittura i nastri delle varie telecamere in sequenza.

Inoltre, lo stoccaggio ridondante può anche fornire un’ulteriore sicurezza. Niente è più fastidioso di quando, in un’emergenza come un furto con scasso con danni alle cose, le registrazioni delle telecamere di sorveglianza vengono distrutte da danni all’hardware prima di essere valutate. Per questo motivo, è anche consigliabile collocare i dispositivi NAS in un luogo inaccessibile e/o difficile da vedere per potenziali intrusi.

LinkStation LS220

Quali tipi di server NAS esistono?

In sostanza, occorre distinguere tra i modelli per gli utenti domestici e i NAS aziendali. Sebbene non vi sia una chiara distinzione, la maggior parte dei server NAS con 8, 16 o più alloggiamenti di dischi rigidi non sono interessanti per la maggior parte degli utenti domestici. Tuttavia, i modelli per la casa offrono spesso un migliore supporto e funzionalità aggiuntive per la gestione di contenuti multimediali come file video o foto. Tali modelli con capacità multimediali possono essere più adatti per l’home cinema.

Numero di alloggiamenti dei dischi

Qui, i dispositivi che forniscono solo un singolo disco rigido nella rete sono da distinguere da quei NAS che (possono) lavorare con più dischi rigidi in parallelo. Quest’ultimo non solo fornisce un vantaggio in termini di velocità rispetto al singolo disco in rete, ma permette anche (a seconda della configurazione) un file system con una vera e propria archiviazione ridondante. Ciò significa che l’integrità dei dati non dipende più direttamente dall’integrità dei supporti fisici: i cosiddetti RAID, oltre a RAID0, possono anche far fronte al guasto di uno o addirittura di più dischi senza che gli utenti notino alcuna perdita di dati. Naturalmente, il disco difettoso dovrebbe comunque essere sostituito il più presto possibile, poiché la probabilità di un guasto RAID aumenta sempre di più con il numero di dischi difettosi.

Particolarmente critico a questo proposito è il fatto che i dischi rigidi acquistati contemporaneamente hanno di solito una durata di vita simile, motivo per cui nel corso del tempo sono stati sviluppati sistemi RAID in grado di far fronte anche a più di un guasto fisico totale di un supporto di memorizzazione tramite ridondanza. Il metodo più semplice è la scrittura parallela di tutti i dati su almeno tre dischi rigidi secondo lo standard RAID1, che però non utilizza lo spazio di memoria in modo molto efficace. Le varie soluzioni RAID che sono state sviluppate nel tempo sono spiegate più dettagliatamente qui di seguito.

Ha senso colmare il divario di dimensioni perché i requisiti per un server NAS variano molto da un individuo all’altro, come dimostra il test del server NAS.

 

Ecco come abbiamo testato i server NAS

Il fulcro del nostro test è stato il rendimento dell’hardware usato in relazione al prezzo. In questo caso, la fascia di prezzo era particolarmente importante, poiché era importante avere velocità di trasferimento dati e potenza di calcolo adeguate. Sono state valutate positivamente anche funzioni aggiuntive opzionali come il supporto hardware dei comuni metodi di cifratura. Un altro importante punto critico è stata la semplice configurabilità e l’affidabilità del dispositivo nell’uso quotidiano.

È possibile apportare modifiche alla configurazione in modo semplice e senza complicazioni, oppure in precedenza si è dovuto lavorare su un menu con molti sotto-voci? Poiché molti utenti dell’area domestica vorrebbero sicuramente utilizzare anche le funzioni multimediali dei vari dispositivi, come ad esempio lo streaming video via DLNA, abbiamo incluso nella valutazione anche queste, se disponibili. Altre caratteristiche aggiuntive, come la ricodifica opzionale delle tracce audio dei file video, sono state qui considerate positivamente.

 

A cosa devo fare attenzione quando acquisto un server NAS?

Un punto importante da considerare quando si acquista un server NAS sono le condizioni in cui opererà in seguito. La scelta dell’apparecchio dipende dall’uso previsto. Quale larghezza di banda è richiesta in rete, quale dovrebbe essere il volume massimo di memoria dell’apparecchio? Se i dati devono essere memorizzati in modo ridondante per motivi di sicurezza, va inoltre notato che, a seconda del livello di ridondanza o del tipo di RAID utilizzato, è disponibile solo una frazione della capacità di memorizzazione dei dischi rigidi incorporati.

Pertanto, occorre garantire che la capacità massima di memorizzazione disponibile sia ancora sufficiente per l’applicazione prevista, anche tenendo conto della memorizzazione ridondante dei dati.

Un esempio pratico:

se tutti i dati sono fisicamente memorizzati due volte utilizzando la funzione di ridondanza del dispositivo, ad esempio, e il server NAS contiene un massimo di due dischi rigidi di 1 TB ciascuno, solo circa 1 TB di capacità di memorizzazione è disponibile come effettiva memorizzazione dei dati anche quando è completamente occupato.

Questo apparente spreco di spazio di archiviazione è una buona cosa al più tardi quando i dati importanti sono memorizzati sul NAS e uno dei dischi subisce un guasto improvviso senza alcun preavviso, ad esempio a causa del surriscaldamento dell’apparecchio che non viene notato. In tal caso, gli utenti avranno comunque a disposizione copie dei file sul secondo disco. Naturalmente, si dovrebbero comunque eseguire regolarmente dei backup per ridurre al minimo il rischio di perdite di dati irrecuperabili.

La giusta tecnologia contro la perdita di dati

La funzione hot-swap è utile quando il server NAS non può essere spento per un breve periodo di tempo per la manutenzione dei dischi installati. L’unità supporta quindi la sostituzione a caldo dei dischi rigidi durante il funzionamento. In questo modo, i dischi rigidi scaduti prematuramente a causa di danni all’hardware, ad esempio, possono essere sostituiti facilmente ed efficacemente con dispositivi intatti. Naturalmente, i dati corrispondenti sono accessibili all’utente solo se sono ancora presenti su almeno uno dei dischi ancora intatti: Ciò significa che deve essere fornita una memoria ridondante per garantire che tutti i file siano disponibili anche durante la sostituzione del disco.

WDBVXC0020HWT-EESNCollegamento di dispositivi di memorizzazione dati USB o eSATA.

In questo modo, la capacità del dispositivo può essere ampliata in modo rapido ed efficace. Tuttavia, è meglio chiarire in anticipo quali funzioni dell’apparecchio sono disponibili anche per la memorizzazione esterna dei dati. In particolare, occorre tenere conto anche delle limitazioni dei collegamenti esterni per quanto riguarda la velocità di trasferimento dei dati: Ad esempio, il numero di dischi rigidi collegati non può essere ampliato con gli hub USB, in quanto possono essere applicate restrizioni specifiche del dispositivo e deve essere presa in considerazione anche la limitazione della velocità di trasferimento.

In concreto, ciò significa che se più dischi USB sono collegati ad un unico bus USB, condividono anche la velocità di trasferimento. Ciò significa che tre dischi collegati possono trasferire dati solo ad un terzo della velocità massima USB ciascuno. Questo può essere ancora sufficiente in pratica a seconda della specifica e dell’applicazione USB, ma è necessario essere consapevoli di questa limitazione prima di acquistare un dispositivo.

Molto importante per la decisione di acquisto è la massima velocità dell’interfaccia di rete.

Per ottenere velocità di trasferimento adeguate nell’uso quotidiano, anche per i NAS utilizzati in reti relativamente piccole dovrebbe essere disponibile una connessione di almeno 100 MBit. Tuttavia, una connessione Gigabit è migliore, che fornisce le prestazioni necessarie per i compiti più impegnativi. Soprattutto se il NAS deve essere utilizzato in una rete più grande, si raccomanda di non ridurre la velocità di trasferimento in nessun caso. In caso di dubbio, il NAS che fornisce le velocità di trasmissione dati più veloci nella rete dovrebbe essere selezionato se i valori sono altrimenti comparabili. Tuttavia, non si dovrebbe fare affidamento solo sulle specifiche del produttore: Un test in loco del dispositivo fornisce di solito la necessaria chiarezza su come il dispositivo si comporta nel rispettivo ambiente di rete.

Abbinare i componenti l’uno all’altro

Se non si è soddisfatti del risultato anche dopo una corretta configurazione, è meglio fare un uso semplice e veloce del proprio diritto di restituzione e cercare un dispositivo alternativo se ci si può aspettare un miglioramento realistico. Tuttavia, per molti apparecchi, i valori tipici per le velocità di lettura e scrittura derivanti dall’esperienza pratica possono essere visualizzati anche online. Questi sono pubblicati in parte da esperti di hardware professionali, ma anche semplicemente dai proprietari del rispettivo dispositivo. Da un lato, questi valori vanno sempre trattati con cautela, poiché non solo l’apparecchio in sé, ma anche, ad esempio, un ambiente di rete sufficientemente potente è importante.

Configurazioni errate, come una connessione di rete lenta, una scarsa accessibilità alla WLAN o un sistema operativo alternativo autoinstallato, possono causare scostamenti significativi dai valori medi abituali. D’altro canto, però, questi valori possono essere un valido aiuto per l’orientamento. Va detto in anticipo che le tariffe massime possibili nella rete non vengono di solito raggiunte nella pratica a causa di varie interferenze o limitazioni fondamentali dell’hardware. Inoltre, si verifica spesso un comportamento psicronico dei dispositivi per quanto riguarda la velocità di scrittura e di lettura.

Un’ampia cache aiuta a ridurre al minimo gli accessi al disco rigido fisico, aumentando così la velocità di trasferimento dei dati di rete per gli utenti del NAS.

Alcuni modelli offrono anche la possibilità di usare un SSD come cache per i dischi rigidi incorporati.
Tuttavia, se l’apparecchio deve essere collegato alla rete via WLAN, è importante garantire una connessione sufficientemente potente per l’uso quotidiano. Normalmente, i dispositivi che supportano l’ultimo standard Wifi disponibile sono i migliori in questo caso.

Al momento della stesura di questo articolo, questo è attualmente lo standard 802.11ac, ma i server NAS con interfacce wireless più vecchie possono essere ancora adatti ad applicazioni meno impegnative e sono spesso disponibili ad un prezzo relativamente basso. Tuttavia, se siete interessati a tale dispositivo, dovreste assicurarvi che siano disponibili tutte le opzioni tecniche necessarie. Tra questi vi è, ad esempio, un numero sufficiente di slot per dischi rigidi moderni. Inoltre, naturalmente, deve anche fornire le prestazioni necessarie per lo scopo previsto, cioè deve avere una memoria principale sufficientemente grande, un bus dati veloce e un processore in grado di far fronte alle esigenze quotidiane.

Più sicurezza attraverso la crittografia

Un’ulteriore opzione che l’utente può prendere in considerazione, soprattutto per l’archiviazione dei segreti aziendali, delle immagini delle telecamere di sorveglianza o di altri dati sensibili, è la crittografia dei dischi rigidi. Questo è particolarmente utile quando c’è una possibilità realistica che il server NAS o i dischi in esso contenuti possano essere rubati. Il grande vantaggio di questa tecnologia è che i dati sono inutilizzabili per terzi non autorizzati senza la relativa chiave: Al posto delle sperate informazioni altamente esplosive in testo semplice, il ladro viene presentato con dati incomprensibili e incomprensibili. Tuttavia, questo vantaggio è anche uno svantaggio: se la chiave o la password viene persa, tutte le informazioni memorizzate sui dischi NAS non sono più utilizzabili.

Quindi, se volete criptare il vostro NAS, dovete sapere esattamente cosa state facendo. Tuttavia, se si sceglie consapevolmente questa opzione, il supporto hardware per i comuni metodi di crittografia come AES è un grande vantaggio. In questo modo si riduce il carico sui processori che si crea durante il normale funzionamento, decodificando e criptando costantemente i dati durante tutte le operazioni di lettura e scrittura. Soprattutto quando la procedura di crittografia è molto sicura e quindi di solito richiede molta potenza di calcolo, una tale opzione può essere utile. Può anche essere un’opzione sensata tenere una copia non criptata dei dati sul NAS in un luogo sicuro.

Pacchetti software forniti con i server NAS

Questi possono contribuire alla decisione di acquisto, anche se le prestazioni dell’hardware dovrebbero ovviamente essere la considerazione principale. Idealmente, il server NAS dovrebbe essere preconfigurato in modo da installare solo i dischi rigidi e da impostare alcune opzioni finali. Fortunatamente, i dispositivi che vengono forniti senza sistema operativo o firmware installato sono l’eccezione piuttosto che la regola. È più probabile che tali prodotti siano rivolti a utenti esperti che hanno sufficiente esperienza per mettere in funzione tali dispositivi.

L’esperienza ha dimostrato che le istruzioni allegate non sono sempre utili, ad esempio a causa di traduzioni scadenti. I “cinque semplici passi” descritti in un tale manuale possono trasformarsi rapidamente in molte ore di lavoro, a volte senza la necessaria esperienza, senza garantire all’utente medio il successo finale. Inoltre, il NAS viene fornito anche con altri pacchetti software, come le soluzioni di backup, che promettono di rendere particolarmente facile il backup dei dati memorizzati nella memoria di rete. Se tali componenti aggiuntivi gratuiti sono di buona qualità, possono certamente avere un’influenza positiva sulla decisione di acquisto emancipata. Tuttavia, questo di solito è vero solo se non si riesce a decidere tra due dispositivi quasi equivalenti.

Musica e video per tutti i membri della rete

Le opzioni multimediali dei sassofoni degli apparecchi possono essere di particolare interesse per gli utenti privati. Si tratta di un software preinstallato, che dovrebbe rendere particolarmente confortevole, ad esempio, lo streaming video o l’ascolto di musica dalla memoria di rete. In questo modo, i media memorizzati a livello centrale sul NAS possono essere accessibili da molti dispositivi diversi all’interno della casa, come smart TV, tablet e smart phone. La DLNA è particolarmente degna di essere menzionata in questa sede. Si tratta di un protocollo per la trasmissione di contenuti multimediali nella rete domestica. I clienti, come le smart TV con funzionalità DLNA, possono riprodurre video ad alta definizione in rete direttamente dal NAS.

Questo ha il grande vantaggio che la collezione di home video è disponibile da una postazione centrale e non è distribuita, ad esempio, su innumerevoli dischi rigidi USB diversi.

Inoltre, l’ingombrante copia di file video su una chiavetta USB, che viene poi inserita nella Smart TV, non è più necessaria con DLNA. I media center, di solito abbastanza comodi, che sono inclusi nella fornitura di molti Smart-TV, possono essere azionati comodamente dal divano con il telecomando dell’apparecchio. Fare riferimento al manuale d’uso del proprio Smart-TV per scoprire come accedere ai contenuti multimediali del NAS. In molti casi, tuttavia, il media server sul NAS deve essere attivato prima di essere disponibile.

Alcuni NAS supportano anche funzioni specifiche per il multimedia: Ad esempio, le tracce audio dei video memorizzati in un formato incomprensibile per la smart TV possono essere tradotte in un formato comprensibile “al volo” durante lo streaming.
Non rientra nell’ambito di questo articolo elencare tutte le possibili combinazioni di formati audio e dispositivi supportati, quindi si prega di verificare in anticipo se questa funzione è supportata dal NAS selezionato e quanto sia compatibile con la smart TV.

In particolare, possono essere molto utili le opzioni che consentono di accedere ai dati sul NAS di casa tramite Internet. Certo, in qualsiasi momento potete mostrare ai vostri amici le foto o i video più recenti della vostra vacanza o anche godervi un filmato dalla vostra memoria dati di casa tramite la WLAN dell’hotel mentre siete in vacanza (una connessione Internet sufficientemente veloce è un presupposto importante per lo streaming di file video di grandi dimensioni).

SicurezzaNetgear RN212D23-100NES 212

Soprattutto con l’accesso relativamente insicuro, ma ancora frequentemente utilizzato tramite FTP, le password possono essere spiate con relativa facilità. Ciò è dovuto semplicemente al fatto che il server FTP di solito non richiede la cifratura di questi dati: se un aggressore intercetta i corrispondenti pacchetti di rete mentre accede al server FTP, in molti casi può leggere direttamente il nome utente e la password utilizzati. Per questo motivo si consiglia di non utilizzare l’opzione FTP o almeno di utilizzare SFTP (Secure FTP) o rsync, se il server lo offre. Questi metodi, se configurati correttamente, pongono maggiori requisiti di sicurezza sul trasferimento dei dati tra client e server, rendendo più difficile l’accesso non autorizzato al NAS da parte di terzi.

 

La storia dei server NAS

La storia dei server NAS è iniziata intorno agli anni ’80. All’epoca furono sviluppati protocolli di rete che consentivano l’accesso al contenuto dei dati dei supporti di memorizzazione interna di altri computer. Quindi l’idea di utilizzare un computer esclusivamente per fornire dati ad altri computer era abbastanza ovvia. Nel corso del tempo è diventato sempre più evidente che tale memorizzazione dei dati ha portato numerosi vantaggi in molte applicazioni. In particolare, i diversi livelli RAID sono stati sviluppati per ottenere un buon compromesso tra la sicurezza dei dati e l’utilizzo della memoria fisica disponibile.

I server hanno assunto sempre più compiti man mano che la tecnologia diventava sempre più potente, cosicché il NAS alla fine ha fatto molto di più che gestire semplicemente i dati. Alcuni servizi con accessi particolarmente frequenti non potevano inizialmente funzionare sul NAS per motivi di prestazioni.

Tuttavia, questo problema si verifica raramente al giorno d’oggi.

Mentre inizialmente lo storage collegato in rete era negato alle grandi aziende e alle università, ora sta diventando sempre più popolare nelle piccole imprese, nella tecnologia di sorveglianza e nelle abitazioni private come soluzione di storage centrale e facilmente accessibile che offre una maggiore sicurezza dei dati grazie alla ridondanza.

Un’area di applicazione relativamente nuova è l’archiviazione di contenuti multimediali di alta qualità che non esistevano nemmeno nei primi tempi del NAS. Qui la tecnologia audio e video era ancora in gran parte analogica e le possibilità visive e acustiche dei computer esistenti all’epoca erano molto limitate. Quindi, lo storage collegato in rete è un buon esempio di un concetto tecnico la cui applicazione è cambiata nel corso degli anni, anche se i principi di base sono rimasti quasi gli stessi (ad eccezione della capacità di storage e della potenza di elaborazione dei dispositivi, che sono ormai giganteschi rispetto a quei giorni).

 

Numeri, dati, fatti sui server NAS

La velocità dei server NAS è determinata principalmente dalla loro connessione di rete e dalle prestazioni dei dischi o dei supporti di memorizzazione collegati internamente ed esternamente. Soprattutto negli ultimi anni, sono stati aggiunti sempre più dispositivi che supportano velocità di trasferimento massime nell’intervallo di gigabit oltre alla connessione di rete solitamente già obbligatoria via Ethernet con una velocità di trasferimento massima di 100 Mbit/s.

L’utilizzo di queste nuove tecnologie ha da un lato migliorato notevolmente le prestazioni dei dispositivi disponibili sul mercato, in quanto le connessioni di rete in precedenza rappresentavano un tipico collo di bottiglia, soprattutto se utilizzate da più utenti contemporaneamente. D’altra parte, tuttavia, i requisiti di prestazione dei dispositivi sono aumentati, poiché i produttori non potevano più fare affidamento sulla fondamentale limitazione della larghezza di banda dell’hardware utilizzato per i modelli di ultima generazione. Di conseguenza, sono stati sviluppati NAS che, con la giusta configurazione, potevano fornire molte volte le velocità di trasmissione dati precedentemente disponibili.

Ma un’altra rivoluzione ha avuto un impatto significativo anche sul mondo dei server NAS, o almeno è probabile che lo faccia in futuro: l’introduzione degli SSD ha anche eliminato le restrizioni sulle velocità di lettura e scrittura imposte dai corrispondenti valori dei dischi rigidi.

Gli SSD forniscono dati molto migliori. Questo è uno dei motivi per cui molte persone ora usano le SSD in aggiunta ad un disco rigido convenzionale per accelerare la velocità del loro computer da postazione di lavoro. Tuttavia, per la maggior parte delle applicazioni, attualmente non ci sono vantaggi significativi che ci si possa aspettare dall’uso di un SSD rispetto ad un HDD. L’uso di SSD nel NAS di solito porta solo miglioramenti di velocità nella gamma di percentuali a due cifre, ma ha un costo relativamente alto.

Tra l’altro, queste unità non sono attualmente in grado di tenere il passo con le grandi capacità di memorizzazione dei dischi rigidi.

Quindi, se l’attenzione del NAS è più focalizzata su grandi capacità di archiviazione o su un’elevata sicurezza dei dati attraverso la ridondanza, si dovrebbero comunque installare dischi rigidi nel dispositivo. La situazione è diversa se si devono trasportare regolarmente grandi quantità di dati sulla rete: In questo caso, può essere utile un massimo, o la maggior quantità possibile di dati, per garantire che i relativi compiti vengano svolti il più rapidamente possibile. Un esempio è la trasmissione di dati video da diverse telecamere HD collegate in parallelo alla rete, come occasionalmente accade in piccoli studi amatoriali o semi-professionali.

In tal caso, tuttavia, occorre garantire che, oltre alla velocità, siano disponibili la capacità necessaria per la memorizzazione dei file video e una connessione di rete sufficientemente veloce. Può anche essere consigliabile, talvolta, utilizzare diverse interfacce di rete parallele per aumentare la velocità di trasmissione dei dati. Occorre garantire che tutto l’hardware coinvolto supporti questa configurazione e che non si verifichino colli di bottiglia imprevisti. Tuttavia, la maggior parte degli utenti può fare a meno di tali soluzioni configurate per un throughput di dati particolarmente elevato. Se, d’altra parte, avete bisogno di un NAS di questo tipo, dovreste ovviamente escludere i tipici speed killer come una lenta connessione WLAN durante la configurazione del dispositivo.

A propositoServer Nas ASUS Computer AS1002T

Soprattutto i nuovi arrivati nel mondo dei RAID spesso sottovalutano l’importanza dei backup. In questo caso, è facile soccombere all’errata convinzione che tutti i dati memorizzati sul NAS siano già adeguatamente protetti dalla ridondanza. Tuttavia, questo non è vero: i guasti del disco rigido possono essere intercettati in una certa misura da questo sistema, ma questa è l’unica protezione che offre l’array di dischi ridondanti (RAID). Se un file viene accidentalmente o malignamente sovrascritto sul NAS, ad esempio, non può essere recuperato in seguito in caso di emergenza. Lo scopo della ridondanza è semplicemente quello di dissociare, in una certa misura, l’affidabilità dell’archiviazione dei dati dall’affidabilità dei singoli supporti di memorizzazione. Gli accessi di scrittura difettosi o accidentali non vengono tuttavia intercettati. Per questo motivo, i dati su un NAS dovrebbero essere sottoposti a backup tanto spesso quanto i dati sui singoli dischi rigidi, soprattutto nel settore professionale.

 

Impostazione del server NAS

Il primo passo per la maggior parte dei dispositivi è l’installazione dei dischi rigidi, se non sono inclusi e sono già stati installati dal produttore. Questo di solito richiede strumenti semplici come un cacciavite, il processo è di solito descritto nella documentazione fornita o sul sito web del produttore in modo chiaro e comprensibile, anche per i non addetti ai lavori. Per l’ulteriore configurazione del server NAS, il produttore di solito fornisce un programma o un’interfaccia web con cui il dispositivo può essere configurato e le impostazioni essenziali effettuate senza problemi.

Con la maggior parte dei server NAS, prima dell’utilizzo effettivo è necessario eseguire almeno una breve procedura di installazione o di configurazione. Spesso opzioni importanti come la crittografia dei dischi rigidi incorporati o il livello di ridondanza del RAID possono essere configurate in modo rapido ed efficace con un clic del mouse. Inoltre, un monitor e una tastiera USB possono essere collegati direttamente a molti modelli per eseguire le necessarie fasi di configurazione. Dopo aver aggiornato il firmware del dispositivo, se necessario, e dopo aver effettuato il login come amministratore, è possibile iniziare a configurare il dispositivo e ad utilizzarlo.

L’uso del NAS su un computer collegato alla rete è di solito altrettanto semplice:

per accedere ai dati sotto Windows, il dispositivo è di solito semplicemente controllato dall’ambiente di rete. Il computer indirizza quindi il NAS tramite l’indirizzo IP specificato nella configurazione per accedere ai dati memorizzati. Alcuni produttori offrono anche soluzioni software aggiuntive per rendere ancora più facile trovare il NAS in rete. Inoltre, alcuni servizi aggiuntivi del dispositivo come DLNA per accedere ai contenuti multimediali sono solitamente visualizzati nel Windows Network Neighborhood.

Dopo aver fatto doppio clic sull’icona nell’Explorer, ad esempio, è possibile accedere normalmente ai dati memorizzati sul NAS. Tuttavia, la maggior parte delle configurazioni richiede di effettuare prima il login con il proprio nome utente e la propria password. Questa impostazione deve essere disattivata o lasciata solo se si è assolutamente certi che terzi possano accedere tranquillamente ai dati memorizzati sul NAS (ad es. se è garantito che non contengono informazioni sensibili). In tutti gli altri casi, l’accesso alla rete di solito non può essere controllato abbastanza bene da consentire la condivisione pubblica dei contenuti memorizzati sul NAS. Questo è particolarmente vero quando più utenti devono usare il NAS contemporaneamente. In tal caso, oltre ai punti già citati, si deve tener conto anche della privacy degli utenti.

Nella maggior parte dei casi, gli utenti del NAS possono essere configurati anche tramite l’interfaccia web.

A questi utenti viene spesso fornito un elenco privato dove possono memorizzare i loro dati personali. Tuttavia, per essere sicuri, si dovrebbe verificare che nessun altro utente possa accedere alla directory corrispondente. I diritti di accesso dei diversi utenti alle diverse directory possono essere impostati anche tramite l’interfaccia web per la maggior parte dei dispositivi. Ad esempio, se una collega ha spesso bisogno dei risultati del lavoro di un determinato dipendente, può ottenere l’accesso in lettura a un elenco corrispondente dopo aver consultato tutte le parti interessate. Tuttavia, non dovrebbe essere in grado di modificare i dati ivi memorizzati, per cui le viene negato il permesso di scrittura.

Chi può fare cosa – assegnare i diritti di accesso

Quando si distribuiscono i diritti di accesso sul NAS, la regola generale è che i singoli utenti devono avere il minor numero possibile di diritti. Ciò consente di evitare complicazioni causate da file cancellati accidentalmente o intenzionalmente in anticipo. Naturalmente, gli utenti dovrebbero avere pieni diritti sui loro elenchi privati, ma ogni diritto aggiuntivo dovrebbe essere distribuito con molta parsimonia. Tuttavia, se il NAS viene utilizzato solo per uso privato, si evita di solito la configurazione di molti utenti diversi e il complicato coordinamento dei permessi. Tuttavia, non si dovrebbe sempre usare l’accesso dell’amministratore per accedere a tutti i dati sul NAS.

Più importante, si consiglia di impostare gli utenti che hanno accesso in sola lettura alla directory contenente i contenuti multimediali memorizzati sul NAS. In questo modo, il contenuto del NAS non può essere cancellato inavvertitamente e inavvertitamente in sottofondo durante la visione di un filmato, perché il computer che riproduce il filmato è accidentalmente infettato da un virus.

Livello di ridondanza da utilizzare sul NAS

Per la maggior parte degli utenti domestici, l’uso di un massimo di 2 dischi in una configurazione RAID1 in combinazione con backup regolari è sufficiente a garantire una sufficiente sicurezza dei dati, mentre alcune aziende si avvalgono anche di una ridondanza ancora maggiore. Ciò ha lo scopo di rendere irrevocabile la perdita di dati a causa di un guasto hardware così improbabile che praticamente non si verifica mai nella pratica.

Naturalmente, il livello di sicurezza è anche una questione di gusto personale o di esigenze di sicurezza. Gli esperti si riferiscono ad un NAS con diversi dischi rigidi come array RAID. L’abbreviazione RAID sta per “Redundant Array of Independent Disks”. I livelli RAID come RAID0, RAID1 ecc. determinano importanti proprietà dello storage fornito da questo gruppo nella rete. RAID0 funziona senza alcuna ridondanza, nonostante il suo nome. Con questo metodo si usa solo l’accesso parallelo a più dischi per rendere i dati disponibili in rete più velocemente che con un singolo disco: Ad esempio, su entrambi i dischi la testina di lettura e scrittura può essere spostata contemporaneamente nella rispettiva posizione desiderata, mentre su un singolo disco deve essere prima letto il primo settore prima che la testina possa essere spostata ulteriormente al settore successivo. Questo riduce efficacemente i tempi di accesso.

Al contrario, RAID0 di solito non offre grandi vantaggi nella pratica quando si accede a SSD eventualmente installati nel NAS.

In un sistema RAID1 composto da due HDD, i dati vengono mantenuti su entrambi i dischi contemporaneamente, in modo che se un disco si guasta, la copia sull’altro disco è ancora disponibile in qualsiasi momento.
Teoricamente, questo modello può essere ampliato a qualsiasi numero di dischi, in modo che, ad esempio, con un NAS professionale adeguatamente equipaggiato, gruppi RAID1 di 16 dischi non siano un problema. La probabilità di una perdita di dati irrecuperabile a causa di un difetto del disco rigido è ovviamente molto bassa in tali sistemi, ma anche con l’uso di 16 dischi rigidi, la capacità di un singolo disco rigido è disponibile solo per gli utenti. Questo porta effettivamente al fatto che in pratica si deve trovare una via di mezzo tra la capacità di memorizzazione di un array RAID1 e la sicurezza dei dati, dato che nessun NAS ha un numero infinito di slot per il disco rigido.

Oltre ai gruppi RAID0 e RAID1 già citati, esistono altri metodi di archiviazione ridondanti che possono essere praticamente implementati in un NAS. Tuttavia, questi sono tecnicamente più complicati e la loro descrizione andrebbe oltre lo scopo di questo articolo. L’idea di base di tutti questi metodi è sempre quella di trovare la via di mezzo più efficace tra la capacità di memorizzazione fisica richiesta del NAS e la sicurezza dei dati. In pratica, le aziende oggi usano RAID5 e RAID6 come alternativa a RAID1.

Server NAS vs. soluzioni cloud

Un’altra soluzione di storage che è sulla bocca di tutti al giorno d’oggi ed è già ampiamente utilizzata nella pratica è lo storage nel cloud. Si tratta dell’archiviazione di file su un server o di un’intera server farm su Internet, che permette all’utente autorizzato di accedere a un archivio di dati personali. Tuttavia, in molti casi la connessione a Internet relativamente debole rispetto alla rete locale è un collo di bottiglia che rende praticamente impossibile un accesso altrettanto veloce ai dati memorizzati nel cloud.

Il cloud offre il vantaggio di una maggiore disponibilità

Con i giusti dati di login è possibile accedere ai propri dati in qualsiasi momento e da qualsiasi computer. Tuttavia, questo comporta anche un certo rischio per la sicurezza, perché con i computer di altre persone e soprattutto con i computer pubblici (come quelli che si trovano nelle biblioteche) non si può mai essere completamente sicuri che il computer sia completamente privo di virus e che i dati inseriti non vengano intercettati. Se i dati sensibili sono memorizzati nel cloud, è quindi meglio accedere al cloud solo da computer affidabili (cioè, di solito, propri). Questo rischio è molto più basso con un server NAS sulla rete locale, ma anche l’accesso ai file è limitato alla rete.

Synology DS218J

Sebbene molti server offrano anche la possibilità di accedere ai dati memorizzati via Internet, l’amministratore ha anche la possibilità di fare a meno di questa opzione.

Ad esempio, i segreti aziendali, i conti e altri dati sensibili sono garantiti per rimanere nella rete aziendale, gli attacchi di hacker o gli attacchi “man-in-the-middle” sono in gran parte esclusi. Tuttavia, esiste ancora il rischio residuo che i dipendenti pubblichino deliberatamente i dati o ignorino le misure di sicurezza. Tuttavia, tali problemi possono raramente essere superati solo con misure tecniche, ma anche in questo caso è necessaria una certa sensibilità interpersonale.

Infine, in una certa misura, è una questione di gusti se si preferisce memorizzare i dati sul proprio NAS o nel cloud. Anche la linea di demarcazione tra le due soluzioni è un po’ confusa, poiché alcuni produttori stanno attualmente pubblicizzando la capacità Internet dei vari server NAS e li chiamano “own cloud”. Un grande vantaggio in questo caso, tuttavia, è che con il proprio server NAS con accesso a Internet, non ci si deve preoccupare dell’affidabilità del fornitore di storage.

La sinologia, la misura delle cose?

Se siete interessati a un NAS, difficilmente potrete evitare le numerose offerte per i server NAS Synology in questi giorni. Ad esempio, l’unità disco promette all’utente domestico un’ampia varietà di opzioni e possibilità, soprattutto nell’area multimediale. La stazione rack, invece, è riservata ad applicazioni più professionali. Molti utenti sono convinti della facile configurabilità e della semplicità d’uso di questi dispositivi nella vita quotidiana. Quindi, anche i modelli meno costosi di Synology DiskStation per gli utenti domestici spesso già forniscono funzionalità come RAID1, RAID5, crittografia hardware e altre interessanti caratteristiche che alcuni lettori esperti di hardware possono conoscere meglio dai dispositivi professionali con costi di acquisto a quattro cifre.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che il mercato è ancora altamente competitivo e, di conseguenza, anche altri produttori offrono dispositivi che possono tenere il passo con le Synology DiskStation e possono essere più adatti a determinate applicazioni. Un esempio è QNAP, un concorrente che ora offre anche molte soluzioni di storage di rete adatte anche al settore privato. Gli utenti che cercano semplicemente il modo più economico possibile per collegare un singolo disco rigido a una rete possono di solito usufruire facilmente dei servizi di altre grandi aziende. Tuttavia, anche le soluzioni di storage di rete dei due leader di mercato hanno i loro vantaggi. Il grande test del server NAS 2020 ha rivelato alcuni interessanti dettagli tecnici sui vari candidati al test, che hanno portato alla valutazione indicata nella tabella qui sopra.

 

Sicurezza intorno al NAS

Una delle maggiori vulnerabilità di sicurezza può verificarsi quando il server NAS è accessibile da Internet. Il modo più semplice per evitare questo problema è quello di disattivare l’opzione corrispondente nelle impostazioni dell’apparecchio. Tuttavia, se non si vuole evitare lo streaming di contenuti multimediali dal NAS mentre si è in viaggio o consentire ai lavoratori a domicilio di accedere ai dati in ufficio, è necessario adottare le opportune precauzioni di sicurezza. Naturalmente, i dati dovrebbero essere protetti anche a distanza con una password e un nome utente, come è standard per la maggior parte dei dispositivi.

Un’ulteriore sicurezza può essere ottenuta criptando i dischi rigidi utilizzati.

Ciò protegge i dati contenuti nei dischi da accessi non autorizzati da parte di terzi, anche in caso di furto del disco rigido. I segreti aziendali, i dati personali sensibili e altri documenti riservati, particolarmente ben custoditi, devono quindi essere protetti con un’adeguata cifratura. È importante che lo standard di cifratura sia scelto in modo da garantire la sicurezza dei dati. Le password come “1234” o “password” devono quindi essere evitate per quanto possibile. Invece, la lunghezza massima della chiave deve essere utilizzata al massimo se si vuole ottenere un’elevata sicurezza dei dati memorizzati sul NAS.

Quando si sceglie una password, si dovrebbe anche fare pieno uso dei possibili caratteri, tra cui lettere, numeri e caratteri speciali. Ecco un piccolo esempio di calcolo: per una password fittizia a due cifre che consiste solo delle 30 lettere (con dieresi) dell’alfabeto tedesco, ci sono 30 x 30 = 900 possibilità. Se si aggiungono le lettere maiuscole, i numeri e altri caratteri speciali, in modo che ci siano 80 caratteri nella password, un potenziale aggressore deve provare 80 x 80 = 6400 possibili password a due cifre.

Un metodo di forza bruta, che prova solo tutte le possibili password per ottenere i dati, dovrebbe funzionare più di sei volte di più nel secondo caso che nel primo. Il lavoro di un hacker è così reso notevolmente più difficile dalla giusta scelta della chiave. Va da sé che in pratica una password a due cifre non dovrebbe mai essere utilizzata, questo esempio vuole solo illustrare l’effetto dell’utilizzo di più caratteri diversi possibile per migliorare la sicurezza della password.

Naturalmente questa password non deve mai essere persa, altrimenti il proprietario dei dati non potrà accedere ai dati.

Se non si vuole correre questo rischio, si dovrebbe sempre conservare una copia non criptata dei dati in un luogo completamente sicuro. I moderni metodi di crittografia come AES sono talmente buoni con i parametri scelti correttamente che rendono praticamente impossibile la decodifica dei dati senza password. In effetti, ciò significa che il tempo di calcolo tipico richiesto per decrittare un disco rigido criptato con questo metodo è più lungo di una vita umana. Pertanto, si deve essere consapevoli del fatto che se si perde la password, non sarà mai più possibile accedere ai dati memorizzati sul NAS, quindi fare attenzione. Procedure come l’AES con parametri forti sono quindi utilizzate dai militari e dai terroristi, tra le altre cose, perché impediscono effettivamente che informazioni sensibili finiscano accidentalmente nelle mani del nemico o di altre persone non autorizzate.

Occasionalmente, chiedono anche una cassaforte o un caveau adatto per un NAS per prevenire i furti di hardware. A nostro avviso, tuttavia, questa non è di solito una buona idea, almeno nel settore privato, poiché questa soluzione di solito non può garantire la stessa sicurezza della cifratura ed è anche relativamente costosa in termini di qualità professionale. Se si vuole realizzare una tale soluzione nella realtà, non bisogna assolutamente affidarsi esclusivamente all’armadio in acciaio o alla cassaforte. Piuttosto, i dati sensibili dovrebbero comunque essere protetti ulteriormente con la crittografia, che è garantita per impedire a terzi non autorizzati di accedervi anche dopo il furto del NAS.

 

Accessori utili

In molti casi, i dischi rigidi non sono inclusi nel NAS e devono essere ordinati separatamente. In questo caso, è necessario assicurarsi che le specifiche dei dischi siano compatibili con il NAS. Spesso c’è un limite alla capacità del disco da inserire in un alloggiamento del dispositivo. Inoltre, soprattutto quando si utilizzano più dischi rigidi in un singolo NAS, si dovrebbe considerare l’utilizzo di HDD NAS appositamente realizzati per i NAS. Questi sono di solito caratterizzati da una minore generazione di calore e da altre caratteristiche tecniche progettate per l’uso nel NAS.

E specialmente gli utenti che apprezzano la memorizzazione in rete silenziosa, ad es. per l’uso home cinema, possono beneficiare di questi speciali dischi rigidi NAS per questo motivo. In alternativa, gli utenti che preferiscono concentrarsi su un throughput di dati particolarmente elevato piuttosto che su un’elevata capacità di memorizzazione o ridondanza possono anche prendere in considerazione l’installazione di SSD, a condizione che ciò sia supportato dal dispositivo. In questo caso, tuttavia, le opinioni divergono sul fatto che l’aumento delle prestazioni superi effettivamente il fattore di costo aggiuntivo e la ridotta capacità di memorizzazione fisica rispetto all’uso di dischi rigidi. Una tale configurazione è piuttosto qualcosa per hobbisti e persone che amano armeggiare con il loro hardware, se necessario con un piccolo sforzo per ottenere l’ultima percentuale di prestazioni.

Quando si utilizza un NAS, spesso ha senso avere a disposizione almeno un disco rigido (o un’altra soluzione di archiviazione) come dispositivo sostitutivo.

In questo modo, i dispositivi di memorizzazione dati difettosi sul NAS possono essere sostituiti prontamente. Una funzione hotplug o hot-swap del dispositivo è particolarmente utile in questo contesto, in quanto consente di cambiare i dischi mentre il NAS è in funzione. In questo modo, gli utenti del NAS non noteranno il difetto a meno che non sia associato alla perdita di dati (da cui la ridondanza del dispositivo dovrebbe proteggere).

Dopo la sostituzione della memoria fisica, il nuovo disco viene montato idealmente sul file system interno senza ulteriori interventi da parte del dipendente in attesa. Solo poco tempo dopo, lo stato originale viene ripristinato.

Se si desidera installare piccoli dischi rigidi in formato 2,5″ in baie da 3,5″, è possibile aiutarsi con molti modelli dotati di adattatori per dischi rigidi adatti. Al contrario, l’installazione di dischi rigidi da 3,5″ troppo grandi in baie da 2,5″ non è ovviamente possibile.

Synology DS218+

Conclusione: i Server Nas sono adatti sia per utenti privati che professionali

I vantaggi che un server NAS offriva fin dall’inizio quando veniva utilizzato in un ambiente professionale sono validi ancora oggi. Pertanto, questi dispositivi sono ideali per le piccole e medie imprese che cercano un modo semplice per creare un sistema di archiviazione dati ad alta capacità.
Tuttavia, poiché questi vantaggi sono diventati importanti per molti utenti domestici, i dispositivi sono ora utilizzati allo stesso modo in questo ambiente. Il test NAS dimostra anche che molti produttori hanno implementato pratiche funzioni aggiuntive che aumentano il comfort dell’utente soprattutto in questo settore.